Lutto e separazione: tra vissuti di perdita e la possibilità di reinventarsi

Aggiornamento: 5 gen 2021

Il lutto rappresenta una reazione fisiologica ad una perdita significativa, sia essa reale o simbolica. La possibilità di sperimentare pienamente e con i propri tempi il lutto e gli affetti ad esso associati è parte integrante e imprescindibile del processo di “guarigione”.



Lutto relazionale e lutto simbolico: una distinzione


Solitamente, quando parliamo di lutto lo associamo all’ambito relazionale: la morte di una persona cara, la fine di una relazione. Ma è importante considerare che gli effetti del lutto si manifestano anche quando la perdita riguarda qualcosa di simbolico, qualcosa in cui credevamo fermamente: un nostro sogno, progetto o ideale, ossia qualcosa di intimamente legato alle nostre motivazioni e alla nostra persona.

Ovviamente questa distinzione non vuole fare da spartiacque definitivo: la perdita di una data persona può e anzi spesso coincide anche con la perdita di un ideale, un progetto nel si credeva fortemente.


Fenomenologia del lutto


Quando una persona è in lutto, il suo rapporto con sé stessa e con il mondo cambia drasticamente: si viene a contatto, inevitabilmente, con gli aspetti più depressivi del proprio essere, solitamente dopo un processo di negazione e rabbia.

Alcune persone riescono a trovare nel lutto fisiologico nuove forze per andare avanti: accettando che le cose non saranno mai più come prima, la persona si carica di nuove consapevolezze e riprende il proprio cammino verso la vita conservando con sé il dolore sperimentato non più come qualcosa che immobilizza ma come qualcosa che porta in sé un significato pieno di valore.


Il sostegno psicologico al processo di lutto


Non tutti riescono però ad affrontare il processo del lutto in maniera graduale e, in un certo senso, lineare. Alcune persone possono risultare, per la loro storia e caratteristiche individuali, più suscettibili alle reazioni di lutto e dunque ai sentimenti depressivi ad esso associati. In questi casi, lo psicologo può accompagnare la persona nei normali processi di elaborazione del lutto, sostenendo le sue risorse preesistenti e cercando insieme un significato ed un senso a ciò che è successo, rendendo così possibile una sana interiorizzazione della perdita e la riappropriazione di una direzionalità e progettualità di vita.

Non è possibile produrre una ricetta giusta per affrontare il lutto: ogni persona dovrà essere aiutata a capire qual è il percorso migliore da intraprendere per cercare di riappropriarsi della propria vita.

27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti